Le regole del gioco 2014

Le regole del gioco 2014
venerdì 6 giugno
Laboratori ITC Studio
"M” come… Kleinman???
con gli allievi del Gruppo martedì verde
regia di Caterina Bartoletti
 
Il somaro
con gli allievi del Gruppo giovedì giallo
regia di Nicola Bonazzi
 
Rumori fuori scena
con la Compagnia La Carretta
regia di Andrea Paolucci
 
Rumori fuori scena: posto unico 8,00 €
"M” come… Kleinman??? e Il somaro: posto unico 6,00 €
Presso ITC Teatro (via Rimembranze, 26 - San Lazzaro)
“M” come… Kleinman???
con Giulia Avallone, Riccardo Barbieri, Rita Baroni, Claudia Bianchi, Andrea Collini, Jacopo Curi, Alice Foschini, Lucia Lancellotti, Lucia Lenzi, Delia Masi, Elisa Morigi, Salvatore Mormile, Teresa Ragazzini, Irene Talarico, Gerardo Tummillo
con la partecipazione straordinaria di Francesca Pedone
assenti ma presenti: Roberta Bombardi, Filippo Pepoli, Mirna Tagliaferri
regia Caterina Bartoletti
 
In una nebbiosa ed imprecisata città beh… diciamo pure cittadina… uno strangolatore folle, un maniaco, è in circolazione. E nel cuore della notte un gruppo di cittadini isterici butta giù dal letto il povero e insignificante impiegato Kleinman perché si unisca a loro per dargli la caccia. Tutti devono far parte del “PIANO” E Kleinman non può certo essere da meno. Il vero problema è che Kleinman non sa cosa sia questo “PIANO” . Non ha la più pallida idea di ciò che deve fare. Né sembrano saperlo gli altri. Ma spera soltanto di non trovarsi mai faccia a faccia con l'assassino. Ma … ahimè… ben presto i sospetti ricadono proprio su di lui. E così la sua notte diventa una fantastica successione di episodi surreali, dove si trova a doversi difendere dall'isteria della gente della città. Da tutti… Da proprio tutti. Prostitute, dottori, poliziotti e preti corrotti, ex e non ex fidanzate, circensi e tanti altri ancora. E tanto altro ancora. Il povero Kleinman si salverà? Il maniaco verrà preso? La città tornerà alla sua solita, banale e piatta quotidianità? Beh… bisogna guardare lo spettacolo. Bisogna sapere che soltanto la magia dell’arte e gli illusionismi della fantasia sono le fragili armi in cui si può ancora sperare. Sempre.
 
Presso Mediateca (Via Caselle, 22 - San Lazzaro)
Il somaro
con Nunziatino Andreola, Paola Benevento, Paola Bertelli, Gaspare Bonacasa, Riccardo Calmucchi, Alessia Del Bianco, Luca Di Costanzo, Gennaro Ianni, Alice Lisi, Sonia Mandrioli, Clelia Mingozzi, Luigi Noferini, Monia Prati
regia di Nicola Bonazzi
 
George Feydeau (1862-1921) è uno degli autori più divertenti di tutta la storia del teatro. I suoi testi sono meccanismi comici perfetti, dove, in fin dei conti, è meno importante capire la trama che non lasciarsi andare al gioco esagerato degli equivoci e degli scambi. Una volta che lo spettatore è irretito in questo vortice, riesce a divertirsi anche a scapito della comprensione. Quindi eviteremo di introdurvi per filo e per segno ai segreti della trama. Basterà dire che nella commedia c’è una girandola di mogli e mariti che pensano continuamente al tradimento senza consumarlo mai. Tutti si ritroveranno in un albergo (luogo tipico dei testi di Feydeau), per poi riapprodare in un appartamento borghese e dare scioglimento agli intricati casi della vita… Una farsa divertente e scoppiettante, che non rinuncia mai ai piaceri dell’intelligenza.
 
Presso il Teatro Nostra Signora della Fiducia (Piazza Lambrakis, 1 - Bologna)
Romori fuori scena
con Damiano Balestrini, Massimo Battisti, Lucia Collina, Nicola Foletti, Filippo Forni, Ida Ienna, Massimo Musto, Cristina Sarti, Rossana Vanelli Coralli
regia di Andrea Paolucci
 
Rumori fuori scena è una di quelle commedie che ogni autore vorrebbe scrivere e ogni regista vorrebbe dirigere. Scritta nel 1982 dall'autore inglese Michael Frayn, è considerata universalmente un capolavoro di comicità e ironia.
Una scalcagnata compagnia teatrale si cimenta con la messa in scena di una stupida commediola di serie B. Il pretesto del teatro nel teatro consente a Frayn di giocare sui luoghi comuni del mondo del teatro e di costruire un meccanismo ad orologeria dal divertimento assicurato. Lo spettatore è guidato attraverso la platea e la scena, incontra il mondo nascosto dei teatranti, assiste alle prove, al "dietro le quinte", alle gioie e alle liti, in un crescendo di confusione e di pura ilarità.
A complicare la vita ai NOSTRI attori, numerose difficoltà, tra cui i ritmi indiavolati imposti dal testo e i meccanismi comici talmente precisi e puntuali da penalizzare talvolta le capacità improvvisative del gruppo, che proprio per questo ha voluto dedicarsi a questo progetto per un intero anno.

 

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202