Festival delle Scuole 2017

Festival delle Scuole 2017

martedì 9 maggio 2017 ore 19.30 e ore 21.30

Testo in scena | ore 19.30
Liceo Scientifico N. Copernico di Bologna
posto unico 6 euro
 
L’ultima notte dell’anno | ore 21.30
I.I.S. E. Mattei di San Lazzaro di Savena (BO)
posto unico 6 euro
 

Testo in scena
Liceo Scientifico N. Copernico di Bologna
con le classi 3M e 4M
regia Emanuele Marchesini
 
Lo spettacolo è l’atto conclusivo di un progetto di formazione basato sulla didattica innovativa. L’attività del regista, svoltasi durante le ore scolastiche curricolari in collaborazione con la docente di italiano, è basata sull’approfondimento e sulla rielaborazione in chiave scenica di alcuni testi di letteratura. L’obiettivo è quello di proporre agli studenti un lavoro attivo basato sulla fruizione diretta del testo letterario, che viene studiato e compreso nella sua essenza, per poi venir messo in scena in una rappresentazione che possa essere dimostrazione del lavoro sia artistico che letterario svolto dai ragazzi. Le scenografie e le ambientazioni sono evocate principalmente dai movimenti degli attori sul palco e vanno ad arricchire una messa in scena molto varia: alcuni autori sono stati citati fedelmente, altri rielaborati dai ragazzi che, anche se nel pieno rispetto del testo, hanno reinterpretato alcuni frammenti dei testi proposti. In altri casi sono stati proprio gli studenti a scrivere un dialogo con gli autori trattati a lezione e con i loro personaggi più famosi. In certi casi, da un testo originale in prosa è stata tratta una sceneggiatura: i ragazzi divisi in gruppi hanno elaborato il lavoro per poi assemblarlo tutti assieme sotto la supervisione del regista e della referente scolastica. Ogni classe ha svolto un preciso percorso in base al programma ministeriale: nella terza liceo si è parlato di temi amorosi, sia dal punto di vista di un Petrarca evocato dai ragazzi, sia mettendo in scena una divertente novella di Boccaccio; in quarta è la figura della maschera a fare da protagonista articolandosi fra le parole di Machiavelli e Goldoni e prendendo vita in molteplici “incontri” immaginati dai ragazzi con le maschere stesse, Balanzone, Pulcinella e Colombina le più famose; in quinta il tema è quello dell’occhio dissacratorio dello studente nei confronti dei classici, messo in luce attraverso un approfondito lavoro sui testi di Verga, appunto reinterpretati dai ragazzi più o meno comicamente, e una messa in scena di alcune battute del grande Dario Fo, in un omaggio del tutto dovuto, se si ragiona in termini di “dissacrazione”.
 
L’ultima notte dell’anno
I.I.S. E. Mattei di San Lazzaro di Savena (BO)
con
Alice Afragoli, Leyla Al Zghoul, Lorenzo Maria Albertini, Jessica Aliaj, Valentin Avdijaj, Leonardo Bastelli, Ettore Bernardi, Diego Bozza, Angelo Buscemi, Gabriele Cioli, Martina Dall'oppio, Sofia Del Governatore, Matilde Fiorentino, Clotilde Frazzi, Roberta Grandi, Alice Landi, Oriana Landuzzi, Miriam Lakroune, Giovanni Lenzi, Rocco Lobosco, Sirya Locche, Matilde Malaguti, Ginevra Marani, Alice Margini, Rebecca Monnolo, Elisa Procopio, Ludovica Roberti, Pierfrancesco Siciliano, Agnese Testoni, Anna Vignoli
regia Giacomo Armaroli e Andrea Paolucci
 
È il 31 dicembre e nella villa della famiglia Bellagio la festa è appena iniziata. Trenta vite. Trenta storie che, in un modo o nell’altro si intrecciano o si sono già intrecciate. Trenta frammenti di vita, condensati in un attimo dell’anno, l’ultimo giorno dell’anno, in cui tutto sembra possibile, in cui tutto può cambiare. O forse è già cambiato, ma non si sa come. Trenta persone che forse si conoscono, forse no e che forse non sanno ancora cosa vogliono fare della loro vita. Trenta ragazzi che credono di sapere cosa vogliono, ma che non sanno di cosa hanno bisogno davvero.

 

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202