Le regole del gioco 2018

Le regole del gioco 2018

mercoledì 6 giugno 2018

Laboratori ITC Studio


La dodicesima notte
TaG - Teatro a Granarolo, ore 21.15
con gli allievi e le allieve del Lunedì Verde
regia di Andrea Paolucci

Sessanta
ITC Teatro, ore 21.15
con gli allievi e le allieve del Mercoledì Rosso
regia di Giulia Franzaresi
 

posto unico 6 euro
omaggio bambini fino ai 10 anni

La dodicesima notte
presso TaG - Teatro a Granarolo | via San Donato 209/b, Granarolo dell'Emilia
con Simone Albieri, Alessandro Battaglia, Cecilia Bertuzzi, Sergio Giachini, Massimo Lemmo, Marco Matera, Samuele Montalbano, Gabriele Morandi, Diana Naldi, Annalisa Sforzini, Cinzia Vecchi, Daniela Viggiano, Luca Vignoli
regia di Andrea Paolucci

A seguito di un terribile naufragio che sembra aver tolto la vita all'intero equipaggio, Viola si ritrova catapultata sulle coste dell'Illiria. Decisa a voler prendere in mano la sua vita e il suo destino, si reca alla corte del Duca Orsino che, troppo intento a corteggiare senza sosta la bella contessa Olivia, del castello vicino, non si accorge che il paggetto giunto alla sua corte è in realtà... una ragazza!
Da questo momento le vite di Viola e di un altro personaggio sopravvissuto al naufragio, suo fratello gemello Sebastian, avranno per testimoni tutta una serie di personaggi (Maria, Malvolio, Sir Andrew, Sir Toby, Fabian...) e vicissitudini che solo l'arte del Bardo ha saputo mettere magistralmente in scena e arricchire di gag e colpi di scena fino all'ultima pagina.

Lo spettacolo replica giovedì 7 giugno 2018 alle ore 21.15

Sessanta
presso ITC Teatro | via Rimembranze 26, San Lazzaro di Savena
con Maurizio Barone, Niccolò Bruni, Laura Cacciamani, Vittorio Caporrella, Elena Carfora, Simona Cavalleri, Valentina Conti, Fabiana Emily De Simone, Amanda Giorgini, Brankica Grudic, Bernardino Macario, Rosita Palladino, Maria Chiara Pazzaglia, Tamara Scalbi, Monica Tedeschi
regia di Giulia Franzaresi

Gli anni Sessanta hanno rappresentato per l’Italia un momento complesso, di grande euforia e insieme di grande conflittualità, una conflittualità che è andata aumentando verso il finire del decennio, quando alcuni eventi preannunciavano drammaticamente le tensioni e le tragedie del decennio successivo.
Indagare dunque gli anni Sessanta significa compiere un percorso entusiasmante in compagnia di figure, situazioni, tipi sociali che hanno plasmato il nostro immaginario, attraverso le mitizzazioni operate da cinema o dalla televisione, avendo come sfondo l’amara consapevolezza di una disillusione incipiente: come se la scioccaggine di cui oggi ci sembra siano stati preda quegli anni non fosse che la negazione di  un disagio destinato a esplodere di lì a poco.
Così il filo rosso dello spettacolo è costituito da alcune scene de I Mostri e I nuovi mostri di Dino Risi, pubblicità dal mitico Carosello, testi di Ennio Flaiano e Franca Valeri.
L’ultima scena tratta da L'ombrellone racchiude in pochi minuti la pesante spensieratezza di quegli anni, quella malinconia di sottofondo che si cercava di soffocare tra un aperitivo e un hully gully, tra un bagno in mare e le feste in spiaggia fino all'alba.

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202