Le regole del gioco 2018

Le regole del gioco 2018

giovedì 21 e venerdì 22 giugno 2018

Laboratori ITC Studio


La tempesta
presso ITC Lab, ore 20.45
con gli allievi e le allieve del Lunedì Giallo
regia di Paolo Fronticelli

Wolfgang
presso ITC Teatro, ore 21.15
con gli allievi e le allieve del Martedì Rosso
regia di Giacomo Armaroli
 

posto unico 6 euro
omaggio bambini fino ai 10 anni

La tempesta
presso ITC Lab | via Rimembranze 26, San Lazzaro di Savena
con Elisa Benatti, Elena Bettazzoni, Alessandro Cellie, Angela De Santo, Matteo La Rosa, Andrea Magagni, Marco Maldotti, Antonietta Martorana, Letizia Mimmi, Mario Monari, Nadia Pancaldi, Massimo Pizzi, Pietro Rossini, Claudia Serafini, Federico Tugnoli, Otella Zappa
regia di Paolo Fronticelli

Una nave viene sorpresa da una tempesta, improvvisa quanto tremenda, e viene vista colare a picco dai superstiti, sparsi in giro per le coste di una piccola isoletta, apparentemente deserta.
Il prodigio è che, per quanto separati e dispersi, tutti i naufraghi sono incolumi.  
La sorpresa è che quest’isola non è deserta: Prospero vi abita, potente mago e Duca spodestato da Milano; con lui sua figlia Miranda e i potenti esseri incantati che egli è riuscito a soggiogare. Per di più i superstiti del naufragio sono coloro che lo hanno spodestato: il fratello Antonio, il Re Alonso e tutta la sua corte, tra cui suo figlio, suo fratello e il buon Gonzalo.
Il caso molto fortunato da l’occasione a Prospero di chiudere tutti i conti con le vicende passate.
La magia dell’illusione diventa protagonista di una vicenda orchestrata dallo stregone padrone di casa, un regista che gioca con le sue vittime spaesate, talvolta pubblico e talvolta attori, utilizzando i suoi servi magici per far attraversare loro un’avventura che li costringerà a specchiarsi nelle loro anime, riportandoli alle gesta che li hanno resi suoi carnefici, e facendo affiorare la quint’essenza delle loro umanità.
L’ultima opera scritta da Shakespeare, gioca con i piani del meta teatrale e ci consegna un ragionamento del drammaturgo su ciò che può essere l’identità della sua arte: qualcosa di magico, illusorio, descrittivo ed esemplificativo della vita, ma che fuso e sciolto in essa, grazie ai suoi artifici, può incidere nel profondo sull’esistenza e portare verso la comprensione del mondo interiore umano e verso la virtù.

Wolfgang
presso ITC Teatro | via Rimembranze 26, San Lazzaro di Savena
con Gabriella Bartoccelli, Vincenzo Bonicelli della Vite, Silvia Borgatti, Patrizia Brini, Mattia Busacca, Emanuele Di Gregorio, Debora Fanti, Arianna Gherardini, Elena Guermani, Roberta Mirarchi, Maria Russano, Sauro Santroni, Nunzia Vitale, Gabriele Zanetti
accorgimenti scenografici di Carmela Delle Curti
regia di Giacomo Armaroli

In un vecchio Spedale Viennese, che è un po’ casa di cura e un po’ manicomio, vive un vecchio uomo che la notte si mette a urlare “Perdonami! Perdonami Mozart! Perdona il tuo assassino!”.
Quest’uomo, nessuno lo sa, è Antonio Salieri, grande compositore alla corte dell’Imperatore Giuseppe II più di trent’anni prima. E’ convinto di essere il responsabile della morte di un odei più grandi musicisti dell’epoca: Mozart. E’ certo di averlo portato alla morte ed è fiero di averlo fatto, non per invidia, non per odio nei confronti di Mozart, ma per dispetto a colui a cui ha dato tutto se stesso e lo ha ripagato rendendolo un mediocre: Dio.
L’oscura vendetta di Salieri è nei confronti di Dio. Un dio ingiusto e crudele, come dice spesso. Eppure soffre per aver tolto dal mondo un musicista incredibile come Mozart.
Forse ha ragione, forse è solo un pazzo, ma solo ascoltando la sua storia potremmo capire la verità.

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202