Politico Poetico

Il Progetto

Politico Poetico è un progetto rivolto ai ragazzi e alle ragazze dai 14 ai 20 anni del territorio bolognese.
Politico Poetico è l’occasione per ascoltare la voce delle nuove generazioni su temi cruciali come Ambiente, Lavoro ed Economia, Disuguaglianze, Città e Comunità, Pace e Giustizia.
Politico Poetico è una piazza piena di giovani con un’idea in testa e un podio su cui raccontarla.
Politico Poetico è Il Parlamento, migliaia di ore di laboratori, conferenze, serate pubbliche, Speakers’ Corners, sui temi dell’Agenda 2030.
Politico Poetico è Il Labirinto, uno spettacolo immersivo ed esperienziale sulle fragilità legate  all’adolescenza.
Politico Poetico è pensare globale e agire locale.
Politico Poetico è un nuovo patto tra teatro, adolescenti e città.
 
 
Politico Poetico è un progetto del Teatro dell’Argine
in collaborazione con Alma Goals, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), ATER circuito regionale dell’Emilia Romagna/Teatro Comunale Laura Betti, Dipartimento Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali e Dipartimento Scienze dell’Educazione Giovanni Maria Bertin - Università di Bologna
 
 
Politico Poetico, progetto del Teatro dell'Argine, è parte di Così sarà! La città che vogliamo, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, cofinanziato dall'Unione Europea - Fondo Sociale Europeo, nell'ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020, promosso da Comune di Bologna.
 
Foto di Luciano Paselli
 
Per visitare il sito dedicato clicca qui.

 

Come nasce Politico Poetico

Da 25 anni lavoriamo con gli adolescenti.
Abbiamo costruito teatro pensando a loro, per loro, con loro.
Abbiamo visto quanto può essere potente a quell’età il farlo fare, oltre che il farlo vedere.
Quanto possa essere esercizio di convivenza, di ascolto, di lavoro condiviso, ma anche di come sia capace di mettere a valore le differenze, comprendere le unicità, mettersi al servizio di chi si sente diverso, fuori dal coro.

Da 25 anni lavoriamo sul territorio.
Volendo essere precisi nel territorio, col territorio, per il territorio.
Siamo andati in giro per il mondo a imparare e siamo tornati per seminare.
Abbiamo pensato globale e agito locale.

In questi anni il teatro ci è servito spesso per esplorare e mettere in connessione questi due mondi,
magari attraverso percorsi di bellezza partecipata, come abbiamo sempre amato definirli.
Le Parole e la Città (Vincitore premio Nico Garrone 2015 e Finalista Premio Ubu 2015) e Futuri
Maestri (Medaglia del Presidente della Repubblica, Vincitore del Premio ANCT 2017, Vincitore Eolo
Award 2018, Finalista premio Rete Critica 2017, Finalista Premio Ubu 2017) ne sono stati gli esiti
più riusciti.

Ma nell’essere fieri di quello che abbiamo costruito, sentiamo comunque il bisogno di andare oltre
ed esplorare nuove direzioni.
Ci sembra che ci sia ancora tanto da fare e da scoprire, che siano ancora molti i modi con cui
possiamo declinare gli strumenti del nostro mestiere di teatranti creando nuove pratiche efficaci e
di senso.

Si tratta solo di uscire dalla zona di comfort e di immergerci nel non scontato, nell’ignoto, alla
ricerca di una nuova relazione, di un nuovo patto tra teatro, città e nuove generazioni.
Partiamo per questa ricerca, lasciando ai ragazzi il compito di guidarci e tenendo per noi il compito
di ascoltare, facilitare, mediare e documentare.

È con questo spirito che nasce Politico Poetico.
Due i percorsi principali che creeremo: un laboratorio di cittadinanza attiva, organizzato in decine
di tavoli tematici, che vedrà protagonisti migliaia di ragazzi e ragazze, e uno spettacolo teatrale,
che proverà a comprendere e dare voce a un'altra adolescenza, quella che nelle nostre città è più
fragile e nascosta.

Il Parlamento sarà il titolo del primo percorso.
Il Labirinto sarà il titolo del secondo.

Creare fili di senso tra le due azioni sarà il nostro obiettivo.
Creare un modello replicabile in altri territori con altri ragazzi e ragazze, la nostra sfida.

Compagnia Teatro dell’Argine

Il Parlamento

Il Parlamento è, insieme a Il Labirinto, una delle due azioni principali di Politico Poetico.

È diviso in diverse azioni e vuole dare ai ragazzi la possibilità concreta di immaginare soluzioni e proporre azioni decisive sui temi dello sviluppo sostenibile.
Prima in classe, per capire cosa si può fare singolarmente e in piccoli gruppi.
Poi per le strade cittadine, per coinvolgere la comunità.
Infine in un teatro, per una sera trasformato in agorà, dove di fronte ad una platea di decisori e di policy makers, potranno raccontarci la città che vogliono per sé e per i propri futuri figli.

I laboratori nelle scuole

Laboratori di cittadinanza attiva nelle scuole | gennaio – maggio 2020

Decine e decine di laboratori all’interno degli Istituti Secondari di II grado di Bologna e Città Metropolitana coinvolgeranno centinaia di ragazzi e ragazze dai 14 ai 20 anni a discutere sui temi dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile, al fine di declinare questi obiettivi sul proprio territorio di provenienza e di proporre azioni e raccomandazioni alle istituzioni locali, a chi decide e pianifica politiche e strategie, e a tutti gli altri cittadini e interlocutori coinvolti. I laboratori saranno occasioni informative sui temi e formative rispetto alle cosiddette “competenze trasversali”, dalla capacità di lavorare in gruppo e di attivare discussioni e processi democratici, alle abilità legate all’espressione e alla comunicazione in pubblico.

Gli Speakers corners

Speakers’ Corners | Bologna centro, domenica 19 aprile 2020, ore 16.00
partecipazione libera e gratuita


Al confine tra flash mob e spettacolo teatrale diffuso, l’evento vedrà il centro di Bologna popolato dalle centinaia di ragazzi e ragazze che hanno partecipato ai laboratori e che, come a Hyde Park a Londra, saliranno su un podio improvvisato dal quale prendere la parola per coinvolgere, condividere e dibattere le idee emerse nel percorso con spettatori e passanti.
Da quel momento saranno i ragazzi stessi a decidere come, dove e quando replicare tutti o solo una parte degli speakers’ corner. Ad esempio in altre piazze della città o nelle proprie scuole o anche nel proprio condominio, magari per sensibilizzare i propri vicini sull’importanza di adottare pannelli solari o lampade a basso consumo.

Il Parlamento incontra la Città

Il Parlamento incontra la Città | Arena del Sole, mercoledì 3 giugno 2020 ore 18.00

ingresso gratuito fino a esaurimento posti


L’evento di chiusura del Parlamento sarà aperto dall’intervento di un giovane ospite di spicco, che incarni il senso e gli obiettivi dell’Agenda 2030.
Ma saranno ancora una volta i ragazzi e le ragazze protagonisti. Ad aprire la serata sarà un giovane ospite di fama internazionale, a seguire, 5 ragazzi e ragazze tra i 14 e i 20 anni, rappresentanti del Parlamento eletto dai ragazzi stessi durante il percorso nelle scuole, presenteranno alla cittadinanza, alle istituzioni, a studenti e amici, 5 Lettere alla Città e 5 Liste di azioni e raccomandazioni raccolte e composte durante gli incontri a scuola e relative ai 5 temi principali (Ambiente, Lavoro ed Economia, Disuguaglianze, Città e Comunità, Pace e Giustizia), con l’impegno comune di realizzarle entro il 2030.

Il Labirinto

Il secondo percorso di Politico Poetico, avviato in parallelo a Il Parlamento, è dedicato alla costruzione de Il Labirinto, lo spettacolo teatrale che debutterà a fine maggio 2020. Un tentativo poetico di raccontare, a partire da interviste e testimonianze, il lato più fragile dell’adolescenza nel rapporto giovani/città. Anche questo percorso si articolerà in altre azioni:
 
Decine di interviste ad associazioni, istituzioni e persone che si prendono cura di ragazzi e ragazze in stato di disagio o di pericolo, per indagare “l’altra adolescenza”, quella spesso non vediamo, ma che vive nelle fratture della nostra città.
Uno spettacolo itinerante, immersivo, esperienziale, protagoniste le storie, le testimonianze, i racconti raccolti nelle interviste e messe in scena in un percorso emozionale ed originale.

Decine di interviste | ottobre 2019 – febbraio 2020
La compagnia Teatro dell’Argine sta raccogliendo interviste e testimonianze di istituzioni, organizzazioni e individui che si occupano di ragazzi e ragazze per indagare “l’altra adolescenza”, quella che spesso cade nelle fratture della città, dove il nostro sguardo non può o non vuole guardare. Da queste nascerà la drammaturgia dello spettacolo. Tra gli interlocutori di questo percorso, la Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, Cassero LGBTI Center, CDH – Centro Documentazione Handicap di Bologna e il Servizio Dipendenze Patologiche.

Il Labirinto | da giovedì 28 maggio a domenica 7 giugno 2020, riposo il lunedì
uno spettacolo itinerante, immersivo, esperienziale
a cura del Teatro dell’Argine

Le storie, le testimonianze, i racconti raccolti in sede di intervista diventeranno materia per uno spettacolo dalla drammaturgia esplosa, un lavoro immersivo, un percorso “emozionale” in uno spazio scenico molto ampio, capace di ospitare 14 “isole” sceniche sia reali che virtuali: la sala d’aspetto di un pronto soccorso, la camera di un diversamente abile, lo studio di un avvocato di strada… Gli spettatori si muoveranno tra installazioni visive, azioni teatrali e suggestioni sonore. Un viaggio nell’inconscio e nel non detto di chi, non ancora maggiorenne, si sente già “tagliato fuori” dalla città.

L'Agenda 2030

  • È stato espresso un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, non solo sul piano ambientale, ma anche su quello economico e sociale. In questo modo, ed è questo il carattere fortemente innovativo dell’Agenda, viene definitivamente superata l’idea che la sostenibilità sia unicamente una questione ambientale e si afferma una visione integrata delle diverse dimensioni dello sviluppo;
  • tutti i Paesi sono chiamati a contribuire allo sforzo di portare il mondo su un sentiero sostenibile, senza più distinzione tra Paesi sviluppati, emergenti e in via di sviluppo, anche se evidentemente le problematiche possono essere diverse a seconda del livello di sviluppo conseguito. Ciò vuol dire che ogni Paese deve impegnarsi a definire una propria strategia di sviluppo sostenibile che consenta di raggiungere gli SDGs, rendicontando sui risultati conseguiti all’interno di un processo coordinato dall’Onu;
  • l’attuazione dell’Agenda richiede un forte coinvolgimento di tutte le componenti della società, dalle imprese al settore pubblico, dalla società civile alle istituzioni filantropiche, dalle università e centri di ricerca agli operatori dell’informazione e della cultura.

Il Programma

Presentiamo Politico Poetico
giovedì 28 novembre 2019 ore 20.00 | Teatro Arena del Sole
Via dell’Indipendenza 44, Bologna


con Pif (autore e conduttore televisivo), Igiaba Scego (scrittrice e giornalista), Luigi Ferrata (Segretariato ASviS), Edoardo Zanchini (Vicepresidente Nazionale Legambiente), Marco Frey (Presidente Fondazione Global Compact), Pietro Ceciarini (esperto di startup e innovazione sociale), Ilda Curti (progettista sociale), Annamaria Fantauzzi (antropologa), Sara Pennellini (ingegnera per l’ambiente e il territorio), Elisa Petrini (Impronta Etica)
e con l’Argine Young
a cura di Teatro dell’Argine


Giovedì 28 novembre il Teatro dell’Argine ha presentato Politico Poetico, il nuovo progetto artistico e di cittadinanza attiva della Compagnia, nell’ambito di Così sarà! La città che vogliamo. Un progetto, due azioni principali: Il Parlamento, laboratori ed eventi rivolti a ragazzi e ragazze dai 14 ai 20 anni sui temi dell’Agenda 2030 dell’ONU, e Il Labirinto, uno spettacolo immersivo ed esperienziale sulle fragilità legate all’adolescenza.

Speakers’ Corners
domenica 19 aprile 2020, ore 16.00 | Bologna centro

Al confine tra flash mob e spettacolo teatrale diffuso, l’evento vedrà il centro di Bologna popolato dalle centinaia di ragazzi e ragazze che hanno partecipato ai laboratori e che, come a Hyde Park a Londra, saliranno su un podio improvvisato dal quale prendere la parola per coinvolgere, condividere e dibattere le idee emerse nel percorso con spettatori e passanti.
Da quel momento saranno i ragazzi stessi a decidere come, dove e quando replicare tutti o solo una parte degli speakers’ corner. Ad esempio in altre piazze della città o nelle proprie scuole o anche nel proprio condominio, magari per sensibilizzare i propri vicini sull’importanza di adottare pannelli solari o lampade a basso consumo.

Il Parlamento incontra la Città
mercoledì 3 giugno 2020 ore 18.00 | Teatro Arena del Sole
Via dell’Indipendenza 44, Bologna

L’evento di chiusura del Parlamento sarà aperto dall’intervento di un giovane ospite di spicco, che incarni il senso e gli obiettivi dell’Agenda 2030.
Ma saranno ancora una volta i ragazzi e le ragazze protagonisti. Ad aprire la serata sarà un giovane ospite di fama internazionale, a seguire, 5 ragazzi e ragazze tra i 14 e i 20 anni, rappresentanti del Parlamento eletto dai ragazzi stessi durante il percorso nelle scuole, presenteranno alla cittadinanza, alle istituzioni, a studenti e amici, 5 Lettere alla Città e 5 Liste di azioni e raccomandazioni raccolte e composte durante gli incontri a scuola e relative ai 5 temi principali (Ambiente, Lavoro ed Economia, Disuguaglianze, Città e Comunità, Pace e Giustizia), con l’impegno comune di realizzarle entro il 2030.

Il Labirinto
da giovedì 28 maggio a domenica 7 giugno 2020, riposo il lunedì | Luogo da definire
uno spettacolo itinerante, immersivo, esperienziale
produzione Teatro dell’Argine

Le storie, le testimonianze, i racconti raccolti in sede di intervista diventeranno materia per uno spettacolo dalla drammaturgia esplosa, un lavoro immersivo, un percorso “emozionale” in uno spazio scenico molto ampio, capace di ospitare 14 “isole” sceniche sia reali che virtuali: la sala d’aspetto di un pronto soccorso, la camera di un diversamente abile, lo studio di un avvocato di strada… Gli spettatori si muoveranno tra installazioni visive, azioni teatrali e suggestioni sonore. Un viaggio nell’inconscio e nel non detto di chi, non ancora maggiorenne, si sente già “tagliato fuori” dalla città.

La rete e le persone

Un progetto di tale ambizione non potrebbe realizzarsi senza dei solidi partner privati e istituzionali e una rete allargata coesa ed efficiente.

Al nostro fianco ci sono già Comune di Bologna e Comune di San Lazzaro di Savena, ASviS, ERT – Emilia-Romagna Teatro Fondazione, Fondazione Unipolis, Fondazione per l’Innovazione Urbana, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Gramsci, Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, Circolo Arcigay Il Cassero, Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, Legacoop.

direzione artistica Nicola Bonazzi, Micaela Casalboni, Vittoria De Carlo, Andrea Paolucci
organizzazione generale Jessica Bruni, Giulia Musumeci
coordinamento scuole Nicola Bonazzi, Jessica Bruni, Mario Monari
coordinamento partner e imprese Micaela Casalboni, Mario Monari
segreteria organizzativa Federica Di Bianco, Gloria Follacchio, Claudia Masi, Giorgio Nespoli, Cristina Niro, Giulia Pompili
ufficio stampa locale e promozione Jessica Bruni e Giulia Pompili
ufficio stampa nazionale Elena Lamberti
coordinamento comunicazione Profili
collaborazione eventi Babel Agency
amministrazione Anna Maria Martino, Sonia Scanu, Cristina Tacconi
tecnici Carlo Corticelli, Francesco Massari, Dario Marcolin Gallerani, Mirko Salvioli
consulenza artistica di progetto Giacomo Armaroli, Jessica Bruni, Francesca D’Ippolito, Mattia De Luca, Giulia Franzaresi, Elena Lamberti, Giulia Musumeci, Argine Young
comitato scientifico Nicola Bonazzi, Micaela Casalboni, Andrea Paolucci (Teatro dell’Argine), Michele D’Alena (Fondazione per l’Innovazione Urbana), Maria Luisa Parmigiani, Fausto Saccheli, Laura Baiesi (Fondazione Unipolis), Elisa Petrini (Impronta Etica), Alessandra Bonoli (Dipartimento Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali e Dipartimento Scienze dell’Educazione Giovanni Maria Bertin – Università di Bologna), Federica Zanetti (Dipartimento Scienze dell’Educazione Giovanni Maria Bertin – Università di Bologna), Pietro Ceciarini (Alma Goals)
partner Fondazione per l’Innovazione Urbana, Fondazione Unipolis, Impronta Etica
in collaborazione con Alma Goals, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), ATER circuito regionale dell’Emilia Romagna/Teatro Comunale Laura Betti, Dipartimento Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali e Dipartimento Scienze dell’Educazione Giovanni Maria Bertin – Università di Bologna
con il patrocinio di Alma Mater Studiorum – Università di Bologna Comune di San Lazzaro di Savena
collaborazioni scientifiche e help desk Cassero LGBTI Center, CDH – Centro Documentazione Handicap di Bologna, Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, Servizio Dipendenze Patologiche
con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Unipolis, Legacoop Bologna, MIBACT Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Regione Emilia-Romagna

Politico Poetico, progetto del Teatro dell’Argine, è parte di Così sarà! La città che vogliamo, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020, promosso da Comune di Bologna.

Presentiamo Politico Poetico | 28 novembre 2019

Presentiamo Politico Poetico
giovedì 28 novembre 2019 ore 20.00
presso Teatro Arena del Sole, Via dell’Indipendenza 44, Bologna

con Pif (autore e conduttore televisivo), Igiaba Scego (scrittrice e giornalista), Luigi Ferrata (Segretariato ASviS), Edoardo Zanchini (Vicepresidente Nazionale Legambiente), Marco Frey (Presidente Global Compact), Pietro Ceciarini (esperto di startup e innovazione sociale), Ilda Curti (progettista sociale), Annamaria Fantauzzi (antropologa), Sara Pennellini (ingegnera per l’ambiente e il territorio), Elisa Petrini (Impronta Etica) e con il Teatro dell’Argine
 
Giovedì 28 novembre il Teatro dell’Argine ha presentato Politico Poetico, il nuovo progetto artistico e di cittadinanza attiva della Compagnia, nell’ambito di Così sarà! La città che vogliamo. Un progetto, due azioni principali: Il Parlamento, laboratori ed eventi rivolti a ragazzi e ragazze dai 14 ai 20 anni sui temi dell’Agenda 2030 dell’ONU, e Il Labirinto, uno spettacolo immersivo ed esperienziale sulle fragilità legate all’adolescenza.
Presentiamo Politico Poetico, un evento gratuito aperto alla città, al confine tra teatro e informazione, è stata l’occasione per cominciare a introdurre temi e azioni del progetto grazie all’intervento di dieci ospiti d’eccezione che hanno avuto il compito di guidarci su temi cruciali per lo sviluppo sostenibile come ambiente, lavoro, economia, disuguaglianze, comunità e molto altro. Sono intervenuti personaggi conosciuti al grande pubblico come Pif (autore e conduttore televisivo) e Igiaba Scego (scrittrice e giornalista), entrambi impegnati in importanti battaglie per la legalità e per i diritti dei cittadini; esperti quali Luigi Ferrata (segretariato ASviS - Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile), Edoardo Zanchini (Vicepresidente nazionale di Legambiente), Marco Frey (Presidente Fondazione Global Compact Italia), Pietro Ceciarini (esperto di startup e innovazione sociale), Ilda Curti (progettista sociale), Annamaria Fantauzzi (antropologa), Sara Pennellini (ingegnera per l’ambiente e il territorio), Elisa Petrini (Impronta Etica).
Infine, non sono mancate soprese: sono state raccontate le azioni che dal 2020 coinvolgeranno adolescenti del territorio in un percorso che li vedrà protagonisti attivi dell’oggi e del domani.
Politico Poetico è pensare globale e agire locale.
Politico Poetico è un nuovo patto tra teatro, adolescenti e città.

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Presentiamo Politico Poetico | Le foto

Seleziona una miniatura per scorrere l'intera galleria e scaricare quella che più ti piace.

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202